@ andrea.jacchia@gmail.com
disegni   |   articoli/racconti   |   bio   |   home   

 

dettaglio disegno


E un do minore fu

Andrea Jacchia
Diario: Anno IX – numero 32 – 27 Agosto/2 Settembre 2004


diario coverIn un’intervista al Corriere di due anni fa, l’astrofisico Duccio Macchetto ha esposto in pochi punti essenziali la fotografia dell’universo e delle sue zone franche: il tutto sarebbe formato da un 35 per cento di materia in gran parte ancora «oscura» e da un 65 per cento di energia «misteriosa»; bisogna ancora scoprire, o vedere, come si siano formate le galassie (oggi circa 300 miliardi), cioè indagare su cosa «ci fosse prima», vale a dire su come quegli embrioni stellari siano stati concepiti; e poi, come avvenga «la semina» dei Macho (Massive Compact Halo Object), o buchi neri; o, ancora di più, ci si interroga sulla teoria dei «multiversi», cioè sull’esistenza di universi forse paralleli al nostro, e così all’infinito. Umanamente parlando, le domande più alte combaciano con le fedi, la speculazione filosofica, e con un movimento fisico dei più spontanei: guardare in su, sentirsi più o meno unici, domandarsi l’età della luce o da che cosa abbia origine l’inizio.

Questa mostra Dal Cielo all’Universo. Il Messaggio della Luce (a Villa Pisani di Strà, Venezia, fino al 10 ottobre) è dedicata, in senso alto e lato, al Tutto, e anche a chi ama andare ai planetari: molto in sintesi, «il visitatore percorre tutto il metodo della scienza moderna: dall’osservazione dei fenomeni con i vari strumenti a terra e dallo spazio, alle analisi delle informazioni fornite dalla luce che ci arriva dalle stelle e galassie»; un percorso, insomma, lungo «il ciclo infinito della conoscenza». Chi poi ama anche la musica, e la capisce, riascolti le prime battute (fino alla sesta) di quella meraviglia che è La creazione del vecchio Franz Joseph Haydn: un «oratorio» che attacca con quell’accordo di do minore così lungo, apparso dal niente, senza agganci, e soprattutto senza causa. (Sopra, a destra: galassia a vortice. Sotto: a destra, galassia peculiare, detta anche Oggetto di Hoag; a sinistra, Arcobaleno, di Augusto Giacometti, 1916).


Back to Top



  andrea jacchia
disegni   |   articoli/racconti   |   bio   |   home